Blogs
11 Lug
eGeH’20
e-GOVERNMENT & e-HEALTH
DURING AND AFTER COVID-19 EPIDEMY
XVII International Conference
July 10-11, 2020
Virtual meeting
Sessione Speciale: “DIOSSINA 1976 e COVID-19"
GIANCARLO PALLAVICINI -
Accademico delle Scienze della Federazione Russa -
Fondazione Giancarlo Pallavicini Onlus Umanitaria Culturale
“SALUTO E BREVI CHIOSE"”
Un grazie caro Francesco per l’invito e un sentito plauso per avere immaginato e realizzato questo importante evento nella sua duplice articolazione locale e internazionale. Quest’ultima più vicina alla tua qualificata esperienza scientifica.
Non mi occupo di medicina se non per qualche malanno anagrafico di poco conto, e di ciò ringrazio nostro Signore.
Ma partecipo volentieri a questo tuo evento perché la pandemia da Covid19 ha messo in ulteriore evidenza i rapporti tra la cura
della salute e i’esigenza di evitare un collasso dell’economia.
Andando allo specifico, mi è caro annotare che la vicenda ICMESA/Diossina di Seveso ha evidenziato la fragilità di un processo di produzione, cioè della macchina.
Per contro, la pandemia, sotto il profilo economico, mostra invece la fragilità del lavoro umano, troppo debole nei confronti della macchina indifferente al virus.
Ne consegue un’impennata del processo sostitutivo del lavoro umano, già all’attenzione degli economisti sensibili al bene comune. La dimensione di tale fenomeno fa dire a Satya Naella, CEO di Microsoft, di aver assistito a due anni di trasformazioni in appena due mesi. Un cambiamento del quale non si possono
individuare i confini, troppo finalizzato al profitto di chi lo produce e privo della necessaria mediazione culturale che salvaguardi l’umanità e i suoi valori.
In alcuni settori, come quello della cura della salute, è certamente auspicabile un più efficiente e diffuso sviluppo della tecnologia avanzata. Ma in altri ambiti tale sviluppo richiede la definizione e l’assunzione di regole in grado di contenerne taluni effetti. E’ il caso, ad esempio, delle reti social, che possono condizionare i comportamenti delle popolazioni nell’economico, come nel politico e nel sociale.
Nell’assenza di una mediazione della filosofia e delle ragioni dell’essere, se ne possono sin d’ora intuire le conseguenze sulla percezione di noi, come soggetti non tanto autonomi, quanto interconnessi in un connubio tra l’esistenziale entità biologica e l’artificiale strumentazione tecnologica. Non radicati nella nostra realtà e nella concezione di sé, ma vaganti nell’universo delle informazioni, gestito da algoritmi capaci di memorizzare esperienza e di modificarsi autonomamente. Essi sono in grado di interpretare per ciascuno le vicende del suo passato ed a condizionare l’indirizzo del percorso futuro. Ne risulterebbe uno scadimento dell’umano e della percezione di sé.
In conseguenza delle interazioni dell’antropologia con lo sviluppo scientifico e tecnologico che lo sottende, l’uomo ha cessato di ritenersi il dominus di una Terra posta al centro dell’Universo, a seguito dell’eliocentrismo di Copernico, comprovato da Galileo; ha perso l’immaginata centralità nel regno biologico, con l’
evoluzione darwiniana delle specie, sino a considerarsi parte di un tutto a seguito pure delle interazioni mostrate da Freud, con l’influenza dell’inconscio, che ha superato la percezione dell’uomo come soggetto isolato e specchiante soltanto sé stesso, di cartesiana memoria.
In sintesi, eccoci immersi in una fase di accelerato cambiamento, indotto da uno sviluppo tecnologico ancora troppo orientato al profitto di chi lo promuove e nell’assenza di un’ adeguata mediazione culturale e filosofica, anche in ambiti sempre più sensibili. Quindi, in proiezione futura, troppo disattento all’umanità, per come è e per come percepisce se stessa.
Non posso che concludere auspicando un cambiamento che non sia finalizzato soltanto al profitto di chi lo promuove, ma che ponga al centro l'uomo col suo ambiente sociale, culturale e naturale, che coinvolga l'umano col trascendente.
Altrimenti assumerebbe valore profetico la definizione data da Marvin Minsky, noto precursore dell'Intelligenza artificiale, che "l'uomo è l'anello di congiunzione tra la scimmia e la macchina pensante".
E dato che non mi confà il ruolo di Cassandra, attingo alla speranza che, nello scenario denso di nubi, ma con sprazzi d'azzurro, possa irrompere la capacità dell'uomo di programmare il futuro, per sé e per gli altri accomunati nello stesso percorso, e, guardando con occhi nuovi le vicende del passato, sappia individuare i valori da traslare nel futuro che avanza ed ampliare gli spazi d'azzurro per tutti.
03 Lug

ATTIVITA’ UMANITARIA E CULTURALE  AL GIUGNO 2020

 

L'odierna uscita del Giornale di Monza, Desio, Seregno e Carate ha illustrato l'aggiornamento dell'attività della mia Fondazione Onlus Umanitaria e Culturale nei termini che seguono.

https://webmail.register.it/…/api/mail/Giornale%20Desio.pdf…

 

L’impegno in Africa con il Céntre Medical «Moyi Mwa Ntongo» di Kinshasa, in Tanzania, Uganda e Nepal, gli interventi della Fondazione Pallavicini

DESIO (drb) Per garantire una concreta possibilità di vita e di ulteriore successo alle iniziative umanitarie e culturali, in- traprese in diverse aree del mondo per iniziativa di donatori desiani, è stata costituita la Fondazione Giancarlo Pallavicini Onlus Umanitaria e Culturale. Ne consegue che essa destina parte dei propri introiti a tale sostegno. Gli interventi umanitari effettuati riguardano soprattutto il Cén- tre Medical «Moyi Mwa Ntongo» di Kinshasa, nel Congo, avviato da una benemerita desiana per la cura della vista dei bambini. Sono stati poi aggiunti i reparti maternità e pediatria, per l’impegno di un’altra donatrice. Dalla sua costituzione, la Fondazione si è impegnata nell’ammodernamento di parte delle attrez- zature mediche e nell’istituzione della scuola Braille. Successivamente ha contribuito all’avvio della ricostruzione dei reparti del Céntre Medical danneggiati dal crollo di una struttura industriale ad esso adiacente. Inoltre, la Fondazione Onlus ha fornito assistenza al promotore Damien Kasereka per la costituzione del primo modello congolese di edilizia condivisa tra 50 dipendenti del Céntre Medical e per il suo finanziamento. Tutto questo non ha impedito altre rea- lizzazioni umanitarie, come la costruzione del dormitorio per la scuola primaria in Tanzania, la fornitura di appa- recchiature mediche per ortopedia e chirurgia generale in Uganda, la ricostruzione dell’Infermeria a Bolde nel Nepal e il sostegno al locale orfanotrofio. Nell’ambito culturale la Fondazione ha sostenuto alcune tradizionali iniziative intraprese in Desio e altre di particolare rilievo, anche internazionale. In tale azione figurano la costituzione della Fondazione Treccani

Cultura, cui la Fondazione Onlus ha partecipato come uno dei tre fondatori rappresentati nel Consiglio di Amministrazione, assieme a quelli nominati dall’Istituto per l’Enciclopedia Italiana Treccani, dalla Scuola Normale Superiore di Pisa e dall’Accademia dei Lincei. La Fondazione è pure rappre- sentata nel Consiglio della Fondazione per i beni e le attività artistiche e culturali della Chiesa, ente di diritto Vaticano, e fa parte della Capp - Centesimus Annus Pro Pontificie, attiva per le elemosine erogate da Papa Francesco. A Trequanda, nel Senese, è esposta la Collezione Archeologica Giancarlo Pallavicini, alla cui valorizzazione ha contribuito la Fondazione Onlus.

La stessa ha inoltre sostenuto eventi culturali, come il Festival della Lingua Italiana di Lecco, il Festival del Medioevo di Gubbio, il Convegno Internazionale «Liutprando Re dei Longobardi». Inoltre, ha partecipato all’autorevole «Filosofi lungo l’Oglio» e ad eventi indetti in Desio dall’Istituto Internazionale di Tele Medicina, retto dal professor Francesco Sicurello. Unitamente al Polo Tecnologico Brianteo del dot- tor Antonio Colombo, la Fondazione Onlus ha collaborato a tre qualificati eventi in partnership con l’assessorato alla Cultura della Regione Lombardia.

L’attenzione agli aspetti scientifici, per lo più connessi con l’ambito della salute, ha motivato un intervento in favore dell’avvio di innovative terapie contro i linfomi presso il San Raffaele di Milano. In tal modo si è dato seguito a quanto in precedenza fatto da una donatrice desiana per la sperimentazione di terapie per l’Alzheimer presso il Dimer dello stesso ospedale. Di particolare rilievo la parteci- pazione alla ricerca «La Civiltà del Pane», di concerto con il Parlamento Europeo, condotta da una novantina di Università. Ultimo, solo in ordine di tempo, il Fondo «Sosteniamoci», costituito con la Fondazione della Comunità di Monza e Brianza, per il sostegno alla prevenzione da contagi Coronavirus in favore di medici di famiglia e di medici e altri addetti degli ospedali e delle Case per anziani e di Comunità di Desio e dei comuni limitrofi.

Un assieme di iniziative orientate al bene comune che danno senso all’esistenza della Fondazione Onlus e della connessa Associazione Umanitaria e Culturale, grazie all’assiduo impegno di chi le ha promosse e fondate

SINTESI DEL PROFILO DEL PROMOTORE

NELL'ENCICLOPEDIA TRECCANI

DESIO Nell’aggiornamento all’Enciclopedia Biografica Universale del 2007, Volume 14, pagina 617, Giancarlo Pallavicini viene definito assertore di un’economia relazionata con le discipline attente all’uomo e al suo ambiente in cui l’attività d’impresa, pur mirando al profitto, non trascuri istanze etiche, sociali, culturali e ambientali. In tale ambito ha ideato e proposto negli anni 1960 il «Metodo della Scomposizione dei Parametri», anticipando le basi teoriche della responsabilità sociale d’impresa. Per l’attitudine a coniugare libertà di mercato e bene comune è divenuto con- sulente occidentale per la riforma economica con M.S. Gorbacev, L. Abalkin e B.N. El’cin. e in tale ruolo ha influenzato gli sviluppi della Perestrojka nell’economia. Negli anni 1950 ha delineato e pubblicato i primi fondamenti del marketing.

Le sue classificazione delle unità della grande distribuzione hanno costituito un riferimento per la normativa nazionale e per gli indirizzi comunitari. La definizione della globaliz- zazione, da lui data negli anni 1990, delinea le relazioni con la web society e i limiti dei tradizionali modelli interpretativi dell’economia. E’ fautore e divulgatore dell’Economia di comunione del Movimento dei Focolari di Chiara Lubich. Per gli studi sui cicli lungi dell’econo- mia di N.Kondratiev e P. Sorokin è il primo occidentale nominato all’Accademia Russa delle Scienze. Con Alberto Moravia, Mario Rigoni Stern ed eminenti personalità culturali della Russia e del mondo ha fondato «Myr Cultura», cui si deve il «Manifesto dei tre», firmato da Giancarlo Pallavicini con D.S. Lichacev e N. Samvelian, che è stato presentato alla stampa mondiale nell’incontro con Gorbachev al Foro Italico.

Foto: Alberto Moravia (sopra) e Mario Rigoni Stern con cui Pallavicini ha fondato a Mosca l’associazione internazionale «Myr Cultura»

INTERVISTA

DESIO (drb) L’incontro con l’economista desiano Giancarlo Pallavicini, noto per la sue anticipazioni su alcuni recenti sviluppi dell’economia, per i ruoli svolti in Italia ed all’estero e per la sua partecipazione al club dei dieci accademici stranieri nominati in Russia, ha costituito l’occasione per approfondirne l’impegno e le motivazioni che lo reggono. Docente univer- sitario e scrittore ha pubblicato numerose opere e come editorialista ha svolto un’intensa attività per quotidiani economici e d’informazione. Oltre a questo si è occupato di iniziative culturali, come il Museo di Trequanda in cui sono esposte le sue collezioni archeologica, mineralogica e paleontologica, nonché di interventi umanitari in Africa, Asia e America Latina, ultimamente realizzati con la Fondazione Onlus che porta il suo nome, a cui fa riferimento anche nell’in- tervista.

Lei si è occupato di economia, cultura e arte, ma ha trovato tempo per avviare e sostenere iniziative umanitarie in Africa e in altre parti del Mondo. Come ha potuto conciliare questi diversi impegni?

Non lo so neppure io. Certamente in ciascuno di questi ambiti vi è un filo conduttore. Ma un nesso tra i diversi impegni forse lo potrei trovare nella convinzione che in ogni situazione ci si debba impegnare al meglio di sé, non tanto o solo nella ricerca del risultato migliore, ma soprattutto nella motivazione che lo ispira.

Ci dia qualche esempio.

In Economia ho sempre sentito che essa, benché attenta al profitto, doveva migliorare la qualità della vita di tutti e valorizzare l’uomo e il suo ambiente culturale e naturale. Non per caso immaginai un metodo di calcolo di questi risultati e, in Bocconi, mi impegnai per l’economia dei beni culturali e dell’ambiente. Materie che mi vedono tuttora attivo, anche in Istituzioni internazionali e del Vaticano.

Come rientrano le iniziative umanitarie?

Una ventina di anni fa da una signora desiana mi venne chiesta collaborazione per realizzare un’iniziativa umanitaria in favore dei bambini in Africa. Come potevo rifiutare. Conoscevo le iniziative del Movimento dei Focolari in quell’area e mi fu facile metterli in contatto. Seguirono altre inIziative per volontà di per- sone animate dal desiderio di impegnarsi in attività benefiche. Per loro, come per me, il filo conduttore era e sono “gli altri”. Per loro dobbiamo spenderci, operando meglio che sia possibile, nelle circostanze che la vita ci propone e che non dipendono quasi niente da noi, ma alle quali dobbiamo aderire, come occasione per dare concretezza ai valori, anche di fede, che abbiamo fatto nostri.

Non ha detto nulla dell’attività scientifica.

In quella sono tuttora impegnato all’Accademia russa delle scienze, in Istituzioni di ricerca e in Comitati scientifici in Italia e all’estero e collaboro ad eventi anche con la mia Fondazione Onlus.

Lei è spesso ospite d’onore a conviviali in Ita- lia e all’estero.

Cosa ricorda di bello?

 

L’incontro con tanti valenti personaggi impegnati e spesso motivati da valori etici. Talvolta anche giovani e affermati, come nelle Round Table Italia, dove si instaura subito un clima amichevole. Ricordo con simpatia che il giorno successivo all’incontro al Valentino Legend di Milano, sul mio ruolo nella Perestrojka di Gorbachev, una sintesi sul loro sito concludeva con «Un pezzo di storia vivente che, pur avendolo preso in prestito solo una sera, custodiremo per tutta la vita». E questo fa onore a loro, dato che io sono permeato di pensieri e valori del tempo che fu.

 

13 Giu

 

L'odierna uscita del Giornale di Monza, Desio, Seregno e Carate ha illustrato l'aggiornamento dell'attività della mia Fondazione Onlus Umanitaria e Culturale nei termini che seguono. 

https://webmail.register.it/…/api/mail/Giornale%20Desio.pdf…

L’impegno in Africa con il Céntre Medical «Moyi Mwa Ntongo» di Kinshasa, in Tanzania, Uganda e Nepal, gli interventi della Fondazione Pallavicini

DESIO (drb) Per garantire una concreta possibilità di vita e di ulteriore successo alle iniziative umanitarie e culturali, in- traprese in diverse aree del mondo per iniziativa di donatori desiani, è stata costituita la Fondazione Giancarlo Pallavicini Onlus Umanitaria e Culturale. Ne consegue che essa destina parte dei propri introiti a tale sostegno. Gli interventi umanitari effettuati riguardano soprattutto il Cén- tre Medical «Moyi Mwa Ntongo» di Kinshasa, nel Congo, avviato da una benemerita desiana per la cura della vista dei bambini. Sono stati poi aggiunti i reparti maternità e pediatria, per l’impegno di un’altra donatrice. Dalla sua costituzione, la Fondazione si è impegnata nell’ammodernamento di parte delle attrez- zature mediche e nell’istituzione della scuola Braille. Successivamente ha contribuito all’avvio della ricostruzione dei reparti del Céntre Medical danneggiati dal crollo di una struttura industriale ad esso adiacente. Inoltre, la Fondazione Onlus ha fornito assistenza al promotore Damien Kasereka per la costituzione del primo modello congolese di edilizia condivisa tra 50 dipendenti del Céntre Medical e per il suo finanziamento. Tutto questo non ha impedito altre rea- lizzazioni umanitarie, come la costruzione del dormitorio per la scuola primaria in Tanzania, la fornitura di appa- recchiature mediche per ortopedia e chirurgia generale in Uganda, la ricostruzione dell’Infermeria a Bolde nel Nepal e il sostegno al locale orfanotrofio. Nell’ambito culturale la Fondazione ha sostenuto alcune tradizionali iniziative intraprese in Desio e altre di particolare rilievo, anche internazionale. In tale azione figurano la costituzione della Fondazione Treccani
Cultura, cui la Fondazione Onlus ha partecipato come uno dei tre fondatori rappresentati nel Consiglio di Amministrazione, assieme a quelli nominati dall’Istituto per l’Enciclopedia Italiana Treccani, dalla Scuola Normale Superiore di Pisa e dall’Accademia dei Lincei. La Fondazione è pure rappre- sentata nel Consiglio della Fondazione per i beni e le attività artistiche e culturali della Chiesa, ente di diritto Vaticano, e fa parte della Capp - Centesimus Annus Pro Pontificie, attiva per le elemosine erogate da Papa Francesco. A Trequanda, nel Senese, è esposta la Collezione Archeologica Giancarlo Pallavicini, alla cui valorizzazione ha contribuito la Fondazione Onlus.
La stessa ha inoltre sostenuto eventi culturali, come il Festival della Lingua Italiana di Lecco, il Festival del Medioevo di Gubbio, il Convegno Internazionale «Liutprando Re dei Longobardi». Inoltre, ha partecipato all’autorevole «Filosofi lungo l’Oglio» e ad eventi indetti in Desio dall’Istituto Internazionale di Tele Medicina, retto dal professor Francesco Sicurello. Unitamente al Polo Tecnologico Brianteo del dot- tor Antonio Colombo, la Fondazione Onlus ha collaborato a tre qualificati eventi in partnership con l’assessorato alla Cultura della Regione Lombardia.
L’attenzione agli aspetti scientifici, per lo più connessi con l’ambito della salute, ha motivato un intervento in favore dell’avvio di innovative terapie contro i linfomi presso il San Raffaele di Milano. In tal modo si è dato seguito a quanto in precedenza fatto da una donatrice desiana per la sperimentazione di terapie per l’Alzheimer presso il Dimer dello stesso ospedale. Di particolare rilievo la parteci- pazione alla ricerca «La Civiltà del Pane», di concerto con il Parlamento Europeo, condotta da una novantina di Università. Ultimo, solo in ordine di tempo, il Fondo «Sosteniamoci», costituito con la Fondazione della Comunità di Monza e Brianza, per il sostegno alla prevenzione da contagi Coronavirus in favore di medici di famiglia e di medici e altri addetti degli ospedali e delle Case per anziani e di Comunità di Desio e dei comuni limitrofi.
Un assieme di iniziative orientate al bene comune che danno senso all’esistenza della Fondazione Onlus e della connessa Associazione Umanitaria e Culturale, grazie all’assiduo impegno di chi le ha promosse e fondate

SINTESI DEL PROFILO DEL PROMOTORE
NELL'ENCICLOPEDIA TRECCANI

DESIO Nell’aggiornamento all’Enciclopedia Biografica Universale del 2007, Volume 14, pagina 617, Giancarlo Pallavicini viene definito assertore di un’economia relazionata con le discipline attente all’uomo e al suo ambiente in cui l’attività d’impresa, pur mirando al profitto, non trascuri istanze etiche, sociali, culturali e ambientali. In tale ambito ha ideato e proposto negli anni 1960 il «Metodo della Scomposizione dei Parametri», anticipando le basi teoriche della responsabilità sociale d’impresa. Per l’attitudine a coniugare libertà di mercato e bene comune è divenuto con- sulente occidentale per la riforma economica con M.S. Gorbacev, L. Abalkin e B.N. El’cin. e in tale ruolo ha influenzato gli sviluppi della Perestrojka nell’economia. Negli anni 1950 ha delineato e pubblicato i primi fondamenti del marketing.
Le sue classificazione delle unità della grande distribuzione hanno costituito un riferimento per la normativa nazionale e per gli indirizzi comunitari. La definizione della globaliz- zazione, da lui data negli anni 1990, delinea le relazioni con la web society e i limiti dei tradizionali modelli interpretativi dell’economia. E’ fautore e divulgatore dell’Economia di comunione del Movimento dei Focolari di Chiara Lubich. Per gli studi sui cicli lungi dell’econo- mia di N.Kondratiev e P. Sorokin è il primo occidentale nominato all’Accademia Russa delle Scienze. Con Alberto Moravia, Mario Rigoni Stern ed eminenti personalità culturali della Russia e del mondo ha fondato «Myr Cultura», cui si deve il «Manifesto dei tre», firmato da Giancarlo Pallavicini con D.S. Lichacev e N. Samvelian, che è stato presentato alla stampa mondiale nell’incontro con Gorbachev al Foro Italico.

Foto: Alberto Moravia (sopra) e Mario Rigoni Stern con cui Pallavicini ha fondato a Mosca l’associazione internazionale «Myr Cultura»

INTERVISTA 

DESIO (drb) L’incontro con l’economista desiano Giancarlo Pallavicini, noto per la sue anticipazioni su alcuni recenti sviluppi dell’economia, per i ruoli svolti in Italia ed all’estero e per la sua partecipazione al club dei dieci accademici stranieri nominati in Russia, ha costituito l’occasione per approfondirne l’impegno e le motivazioni che lo reggono. Docente univer- sitario e scrittore ha pubblicato numerose opere e come editorialista ha svolto un’intensa attività per quotidiani economici e d’informazione. Oltre a questo si è occupato di iniziative culturali, come il Museo di Trequanda in cui sono esposte le sue collezioni archeologica, mineralogica e paleontologica, nonché di interventi umanitari in Africa, Asia e America Latina, ultimamente realizzati con la Fondazione Onlus che porta il suo nome, a cui fa riferimento anche nell’in- tervista.

Lei si è occupato di economia, cultura e arte, ma ha trovato tempo per avviare e sostenere iniziative umanitarie in Africa e in altre parti del Mondo. Come ha potuto conciliare questi diversi impegni?

Non lo so neppure io. Certamente in ciascuno di questi ambiti vi è un filo conduttore. Ma un nesso tra i diversi impegni forse lo potrei trovare nella convinzione che in ogni situazione ci si debba impegnare al meglio di sé, non tanto o solo nella ricerca del risultato migliore, ma soprattutto nella motivazione che lo ispira.

Ci dia qualche esempio.

In Economia ho sempre sentito che essa, benché attenta al profitto, doveva migliorare la qualità della vita di tutti e valorizzare l’uomo e il suo ambiente culturale e naturale. Non per caso immaginai un metodo di calcolo di questi risultati e, in Bocconi, mi impegnai per l’economia dei beni culturali e dell’ambiente. Materie che mi vedono tuttora attivo, anche in Istituzioni internazionali e del Vaticano.
Come rientrano le iniziative umanitarie?
Una ventina di anni fa da una signora desiana mi venne chiesta collaborazione per realizzare un’iniziativa umanitaria in favore dei bambini in Africa. Come potevo rifiutare. Conoscevo le iniziative del Movimento dei Focolari in quell’area e mi fu facile metterli in contatto. Seguirono altre inIziative per volontà di per- sone animate dal desiderio di impegnarsi in attività benefiche. Per loro, come per me, il filo conduttore era e sono “gli altri”. Per loro dobbiamo spenderci, operando meglio che sia possibile, nelle circostanze che la vita ci propone e che non dipendono quasi niente da noi, ma alle quali dobbiamo aderire, come occasione per dare concretezza ai valori, anche di fede, che abbiamo fatto nostri.

Non ha detto nulla dell’attività scientifica.

In quella sono tuttora impegnato all’Accademia russa delle scienze, in Istituzioni di ricerca e in Comitati scientifici in Italia e all’estero e collaboro ad eventi anche con la mia Fondazione Onlus.

Lei è spesso ospite d’onore a conviviali in Ita- lia e all’estero. 

Cosa ricorda di bello?

L’incontro con tanti valenti personaggi impegnati e spesso motivati da valori etici. Talvolta anche giovani e affermati, come nelle Round Table Italia, dove si instaura subito un clima amichevole. Ricordo con simpatia che il giorno successivo all’incontro al Valentino Legend di Milano, sul mio ruolo nella Perestrojka di Gorbachev, una sintesi sul loro sito concludeva con «Un pezzo di storia vivente che, pur avendolo preso in prestito solo una sera, custodiremo per tutta la vita». E questo fa onore a loro, dato che io sono permeato di pensieri e valori del tempo che fu.

 
 

Pagina 1 di 35